Mese: dicembre 2017

“Breve storia delle donne” di Jacky Fleming… i falsi pregiudizi contro le donne!

breve_storia_delle_donne-cover

Le donne, che guaio?: ciò che pensano gli uomini

«La “Breve storia delle donne è un libro ferocemente divertente, meravigliosamente costruito e altamente istruttivo per chiunque, uomo o donna che sia. Si tratta di un volume breve ma intenso e potente nella sua cruda realtà, così come recita il sottotitolo: Tutto ciò che abbiamo imparato sulle donne: e cioè ben poco.

Questa “Breve storia delle donne” (Corbaccio, 2016) elenca tutto quel che è scritto sulle donne nei libri scolastici, ovvero quasi nulla. E ci ricorda alcune ridicole teorie espresse da pensatori geniali, come per esempio Charles Darwin, tanto celebrato per la sua mente aperta, obiettiva e scientifica. Lo scienziato viene più volte citato come “genio” quasi a sottolineare: se lo ha detto lui che era un genio, immaginate che cosa potessero pensare i comuni mortali – maschi! Pare che Darwin fosse convinto che le donne non avrebbero mai raggiunto risultati notevoli nel campo del pensiero a causa del loro cervello di dimensioni ridotte. Preparatevi a ridere e a indignarvi e a rileggere la storia con occhi nuovi.

L’ironia sferzante dell’autrice a volte sfiora il grottesco e ci rende consapevoli di quanti soprusi e quante ingiustizie le nostre antenate debbano aver subito nel corso dei secoli. Feroce la critica al pensiero così in auge in epoca vittoriana (i disegni, infatti, richiamano soprattutto quello specifico periodo della storia) che la donna dovesse solo ed esclusivamente svolgere la sua funzione sociale: procreare. La sfera domestica era una gabbia per alcune nemmeno tanto dorata:

«Le donne che si avventuravano fuori dalla sfera domestica erano note come Donne Perdute.[…] Erano molti i modi per perdersi, fra cui: prendere posizione, avere un’opinione ed esprimerla, non restare vergine dopo aver partorito… solo le donne potevano perdersi».

Divertente e graffiante, le pagine del libro si riempiono di vignette e una scrittura “a mano semplice e diretta.

 

5-982x540

Bisognose  di un padre-fratello-marito-figlio per avere un scopo nella vita. Troppo deboli per lo sport, non sufficientemente creative per le arti.

 

Breve storia delle donne

 

 

 

 

 

 

 

Dopo diverse esposizioni, sei libri e una lunga collaborazione con i quotidiani, con questo lavoro l’illustratrice inglese Jacky Fleming ha voluto lasciare  un oggetto che serva da monito contro ogni falsa credenza eretta a screditare l’identità femminile.

Breve storia delle donne

Un libro da non perdere !

Simone Weil e il senso della realtà

CARTESENSIBILI

jeff faust

Jeff Faust1

C’è qualcos’altro che ha il potere di svegliarci alla verità. È il lavoro degli scrittori di genio. Essi ci danno, sotto forma di finzione, qualcosa di equivalente all’attuale densità del reale, quella densità che la vita ci offre ogni giorno ma che siamo incapaci di afferrare perché ci stiamo divertendo con delle bugie.

Simone Weil

View original post

Franca Viola e il suo rifiuto di dire “No”

961franca_viola_24Il 26 dicembre 1965, alle 9.00 del mattino, Franca Viola, una ragazza di 17 anni, viene rapita da Filippo Melodia e dai suoi amici. Il Melodia, pretendente respinto, è nipote di un boss mafioso, è un prepotente che non ammette rifiuti. Il rapimento fa seguito a una serie di avvertimenti mafiosi nei confronti del padre di Franca: bruciata la casetta di campagna, distrutto il vigneto e portato un gregge di pecore a pascolare nel campo di pomodori. Bernardo Viola viene persino minacciato con una pistola, ma non cede e non vuole concedere la figlia a un individuo violento e pericoloso. Il Melodia si presenta alla casa della ragazza con i suoi compari, picchia violentemente la madre che cerca di resistere e si porta via Franca e il fratellino, che le si è aggrappato alle gambe nel tentativo di proteggerla. Il fratellino viene rispedito a casa e Franca viene tenuta segregata prima in un casolare di compagna, poi in casa della sorella del Melodia.

“Rimasi digiuna per giorni e giorni. Lui mi dileggiava e provocava. Dopo una settimana abusò di me. Ero a letto, in stato di semi-incoscienza”, racconterà Franca. Il 6 gennaio 1966 la polizia, coinvolta dal padre, rintraccia il rifugio e riesce a liberare la giovane. Il Melodia viene arrestato con i suoi complici, ma conta evidentemente sul matrimonio “riparatore” che, come prevede la legge italiana di allora, scagiona il rapitore che sposa la propria vittima. Franca però rifiuta di sposarsi dando quindi avvio al processo, che si svolge nel dicembre del 1966.

Il padre Bernardo decide di costituirsi parte civile malgrado le pressioni esercitate per dissuaderlo. L’attenzione di tutta la stampa locale e nazionale è altissima, sia perché è la prima volta che una donna sceglie di sfidare le arcaiche regole di un “onore” presunto e patriarcale, sia perché in questa vicenda si vede l’occasione di intaccare, almeno in parte, il potere della mafia.

Il prezzo da pagare è altissimo: minacce, ricatti, l’opinione pubblica ostile, insomma una clausura stretta, con polizia fuori da casa giorno e notte e nessuna possibilità di lavoro per il padre. Ma la chiarezza della posizione di Franca risuona come un rimprovero a una società ancora chiusa dal pregiudizio: “Io non sono proprietà di nessuno, nessuno può costringermi ad amare una persona che non rispetto, l’onore lo perde chi le fa certe cose, non chi le subisce”. Franca, già duramente provata dalla violenza del rapimento e dalla vita di clausura che sta conducendo, è pure costretta a cambiare legale, avendo incontrato nello studio del proprio patrocinante il parente di uno dei rapitori.

(altro…)