La moda come emancipazione femminile, un po’ di storia!

moda-anni-50-abito-dior-a-tubino

I cambiamenti sociali, si sa, non sono circoscritti, ma vengano riflessi in ogni sfera del reale e non solo: prima di tutto si manifestano nella sfera artistica, in quel mondo che lancia un ponte tra sogno e realtà a tutti, ma che pochi possono comprendere, interpretare e intuire prima che il cambiamento venga a “bussare”materialmente alla nostra porta.

E la moda è, senza dubbio, espressione sottile di questa conoscenza  originale e sensibile, precorre le atmosfere che viviamo e che vivremo, ha un “fiuto” particolare.

Nel corso del ‘900 questa qualità, quasi preveggente, si è manifestata in una delle lotte fondamentali dell’umanità per l’uguaglianza e la democrazia, quella per l’emancipazione femminile; il ruolo della donna ha compiuto un percorso in continua ascesa, che nel mondo della moda ha corso lungo quel doppio canale per cui le tendenze anticipano, ma allo stesso tempo, confermano il perenne riassestamento sociale.

Il ‘900 è stato un secolo che l’uomo ha quasi dovuto rincorrere per stare ai tempi, come d’altronde la donna stessa e la sua affermazione che minacciava di spostarlo dal podio. Dalla seconda rivoluzione industriale tutto ciò fu molto evidente: in Inghilterra le fabbriche tessili iniziarono a determinare una grande trasformazione nel vestire, fornendo buoni tessuti a prezzi sempre meno elevati e moltiplicando quelli leggeri, colorati, esotici e decorativi, decisamente adatti per l’estate e i sabati danzanti, per una donna che ormai poteva frequentare ambienti mondani di ogni genere.

Tra il 1890 e il 1910 l’affermarsi della fabbricazione in serie abbassò i costi e rese accessibili gli abiti anche ai ceti meno abbienti, soprattutto dopo la distribuzione sempre più diffusa nei grandi magazzini. La moda viene presentata in tutto il suo splendore dagli anni ’50 in poi: il mondo viene travolto dal “New Look” del francese Christian Dior, tra spalle scoperte e scollature vertiginose, e Parigi diventa la capitale della moda, con l’arrivo del rock n’roll nelle sale da ballo . C’è spazio per reggicalze, mini abiti e soprattutto minigonne, grazie alla novità introdotta dalla stilista Mary Quant.moda-anni-60-abiti-a-righe

La moda diventa sempre più unisex, prende ispirazione dalla strada che dalle sartorie e l’etnico domina su tutto, anche grazie alla libertà morale e sessuale veicolata dagli hippies, i primi a rifiutare il consumismo e… la biancheria intima!. Negli anni ’70 il “punk”domina Londra e non solo, e il livello di inibizione si abbassa sempre di più non solo per le minigonne, ma anche per le calze rete e i tacchi alti.

Una delle figure emblematiche nella rivoluzione del concetto di femminilità è stata di certo Coco Chanel, che seppe interpretare al meglio lo spirito modernista della sua epoca, prefiggendo una nuova immagine della donna, libera, indipendente dall’uomo, moderno e all’avanguardia. Insomma, ha saputo dar voce al bisogno di un’effettiva riforma sociale del ruolo e dello stile di vita femminile, unendo eleganza e raffinatezza al comfort.

Negli ultimi decenni nella moda non si può distinguere uno stile preciso che definisca la donna, perché la donna non è più in gabbia, può permettersi tutto, dall’essenzialità alla frivolezza, e il ruolo dello stilista è ormai quello di un consigliere che non impone nulla: si distruggono le forme, si miscelano i colori, si fondono tendenze contrastanti, all’insegna di una nuova modalità di pensiero, più dinamica e meno bigotta.

Processed with MOLDIV

Il tempo scorre inesorabilmente, e nel nostro mondo non c’è più una ragione costrittiva (per fortuna!) che orienti le nostre scelte… tutto è possibile e tutto cambia!.

L’evoluzione del ruolo femminile nella società ci dimostra che legarsi troppo al passato e all’abitudine, rimanendo scettici e timorosi, ci lascia fermi al punto di partenza senza possibilità di intravedere una meta, di reinventarci e progredire. Questo cammino riguarda tutti, ma… in tacchi ha indubbiamente più stile!

paola chirico

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.