Una grande donna accanto a un grande eroe: Anita Garibaldi.

Lei_inclui_nome_de_Anita_Garibaldi_no_Livro_dos_Her_is_da_P_tria

Quante volte abbiamo sentito affermare che “dietro un grande uomo c’è sempre una grande donna”…Di certo le femministe (me compresa) possono giustamente ribattere che le grandi donne possono essere tali, anche senza dover vivere all’ombra del proprio compagno. E allora a chi o a cosa attribuire l’origine di questa frase? Alcuni la attribuiscono alla scrittrice londinese Virginia Woolf, altri la ritengono molto più antica, facendola addirittura risalire ad epoca latina. Comunque, che siano stati i Latini o la Woolf ad aver coniato questa espressione, poco importa… Il dato di fatto è che entrambi hanno ragione, o quasi. Lasciando da parte i casi odierni più famosi, come quello di Michelle Obama o Hillary Clinton o altri ancora, un esempio perfetto si può trarre da una figura molto diversa e molto lontana nel tempo, quella di Anita Garibaldi.

Le lacunose e spesso poco attendibili notizie sulla sua vita, hanno trasformato la giovane donna brasiliana, da un lato, in figura leggendaria di guerrigliera e rivoluzionaria, dall’altro nella classica protagonista di una romantica e tormentata storia d’amore. Queste due versioni della sua immagine e della sua personalità, che non sono affatto in contrasto, forniscono ciascuna, a mio avviso, una lezione per tutti noi. E’ ingiusto considerare Anita Garibaldi una “forza silenziosa” del Risorgimento Italiano o solo l’amante e la moglie dell’eroe dei due mondi. A ben analizzare la sua figura, è stata molto di più.. una donna che possiamo apprezzare, oggi, per la sua forza, la sua determinazione e per essere stata a “fianco” e non “dietro” ad un grande uomo!

Nata a Laguna, in Brasile, da una povera e numerosa famiglia di mandriani Ana Maria de Jesus Ribeiro da Silva mostrò subito la tempra, lo spirito selvaggio, l’agilità e il coraggio di cui era capace. Dapprima, infatti, seppe tener testa a Manuel Duarte Aguilar, un calzolaio ubriacone e violento che la madre, vedova e in difficoltà economiche, le aveva scelto per marito, anche per evitare guai peggiori a una bellezza precoce,  ma già molto avvenente. Poi affrontando con il coraggio di una pantera le incredibili avventure e le durissime privazioni subite nella lotta contro le truppe imperiali accanto a Garibaldi. L’incontro tra Anita e José fu amore a prima vista e tutte le scelte che Anita fece da quel momento in poi testimoniano quanto ella fosse davvero forte, coraggiosa, intelligente, moderna, sia nei pensieri, che nelle azioni.

Lasciò il suo primo marito e decise, infatti, di seguire il giovane condottiero. Due vite, due esseri in simbiosi…pronti, come antichi cavalieri senza macchia e senza paura, a battersi per la liberazione dei popoli dal dominio degli oppressori. Ebbero quattro figli, poi decisero di trasferirsi in Italia,sempre più scossa dai moti rivoluzionari. A Roma difese la repubblica di Mazzini, costretta poi a soccombere alle soverchianti forze nemiche, con Francesi, Spagnoli e Borbonici accorsi in aiuto di Pio IX, Garibaldi, con accanto Anita, dovette fuggire e si diresse verso Venezia . Fu una fuga difficile attraverso un territorio impervio e molto faticoso. Anita, incinta e indebolita dalle fatiche, morì tra le braccia del suo disperato José nei pressi di Mandriole di Ravenna. Era il 4 agosto del 1849 e aveva 28 anni.

Oggi riposa a Roma, al Gianicolo. Questa storia “d’arme e d’amore” ci conferma che quando si crede davvero in una causa si può cambiare il mondo, a maggior ragione se la protagonista del cambiamento è una donna che ha voluto condividerlo a fianco del suo uomo.

Anita fu sicuramente una donna progressista e femminista, prima che il mondo sapesse il significato di queste parole. Il rapporto fra Anita e Giuseppe, pur se vissuto tra contrasti e incomprensioni, va ben oltre l’amore. Anita rimase accanto al suo eroe lottando al suo fianco per gli stessi ideali. E anche dopo la sua morte, ella rimase una parte importantissima della vita e del cuore di Giuseppe; e quando nel 1860 Garibaldi proclamò Vittorio Emanuele II re d’Italia volle indossare la sciarpa di Anita e il suo poncho dell’America del Sud.

Paola Chirico

Crea il tuo badge

Un pensiero su “Una grande donna accanto a un grande eroe: Anita Garibaldi.

  1. Non sapevo che fosse incinta..certo Garibaldi avrebbe potuto usare molte più precauzioni, viste le condizioni, meno male che adesso le donne possono gestire meglio la loro sessualità, e maternità, infatti non fanno quasi più figli..ma i maschi sono ancora troppo deresponsabilizzati e le donne fanno male a viziarli così.

    Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...